I balli più classici per tutte le età, coinvolgenti, dolci e stimolanti

 

MAZURCA

Nata in Polonia nel 1500, conquista tutta l’Europa nel 1800 e diventa il ballo più in voga insieme al valzer e alla polca. Alla sua diffusione contribuiscono compositori di fama come Chopin e Strauss. 

Il passo base è formato da una camminata rettilinea con passi cadenzati: lungo, corto, corto-lungo, corto, corto.



VALZER VIENNESE

Se ne contendono la paternità Germania e Francia ma conosce il suo massimo fulgore nel 1800 alle corti di re ed imperatori, in particolar modo a Vienna, simbolo di eleganza e modi raffinati. Grandi compositori resero famoso il valzer in tutto il mondo a partire da Johann Strauss, padre e figlio, Berlioz, Wagner, Cajkovskj, Lehar. 

Il passo base è simile a quello della mazurca. La caratteristica di questo ballo è l’andamento ondeggiante che si ottiene alternando i giri destra e sinistra insieme a una buona flessione ed elevazione.

POLCA

Nata in Boemia (ora Rep. Ceca) nel 1800, inserita nel repertorio della banda musicale dell’esercito, da Praga arriva velocemente a Vienna e Parigi. Combina musica vivace con l’allegria del movimento. Johann Strauss ne compose 163 brani aggiudicandosi il titolo di “re della polca” oltre che del valzer.

Il passo base è saltellato con una fase aerea dove il corpo può ruotare a destra e a sinistra.



VALZER LENTO

Le sue origini risalgono al 1200 ma diventa popolare a Vienna nel 1800. Rielaborato dagli inglesi (da lì il nome “valzer inglese”) con figure e volteggi rallentandone il ritmo, modificando e allontanando la postura dei ballerini in quanto, ai tempi, considerata indecente. Grandi compositori: Chopin, Strauss, Sibelius, Fauré, Debussy, Ravel ed altri.

Il valzer lento è caratterizzato dall’abbassamento e dall’elevazione e alterna il giro destra e sinistra tramite un passo di cambio.



TANGO

TangaccioDi origine cubana con influenze africane ed europee inizia a crescere nei quartieri popolari di Buenos Aires. Ai primi del 1900 sbarca a Parigi e Londra come intrattenimento nei caffè e ristoranti ma, nonostante il grande successo di pubblico, il tango viene accusato di essere indecente dall’arcivescovo di Parigi. In seguito assolto dal papa viene rielaborato da maestri e scuole di ballo, come fecero per gli altri balli, togliendone gli eccessi. Enrique Santos Discépolo, Carlos Gardel, Astor Piazzola, Cherubini e Bixio i più famosi compositori.

Il tango è un ballo con improvvisi cambi di direzione e di ritmo; i movimenti lenti e le pause rappresentano le proposte amorose, i cambi di direzione simboleggiano la risposta negativa. Emozioni a colori forti tipiche del temperamento passionale della cultura mediterranea.



FOX TROT

Ai primi del 1900 in America apparvero nuovi ritmi e nuove danze frutto di una nuova cultura musicale, quella afro-americana. Il primo ballo fu il fox-trot che aprì la strada ai nuovi generi “made in USA”: swing, boogie-woogie, rock’n roll ecc. Nel 1915 arriva a Londra dove i maestri di ballo lo rielaborano togliendo, anche qui, le movenze troppo sensuali.

Fox-trot = passo della volpe, passo strisciato e molleggiato con un andamento a zig-zag su ritmo vivace.

 

CHA-CHA

Danza di origine messicana. Si esegue in posizione distaccata con accentuato movimento del bacino. Il passo base è formato da 2 passi seguiti da 3 veloci (o cambi di peso da un piede all'altro) chiamati "chassé" o, appunto, "cha-cha-cha".





RUMBA


Nata a Cuba nelle feste dei villaggi negri, caratterizzata da un ritmo indiavolato, si diffonde rapidamente in tutto il mondo. Studiata e rielaborata dai maestri di ballo diventa più morbida mantenendo intatti la sensualità e la rappresentazione di una storia d'amore tra i due ballerini. Posizione distanziata e movimento di bacino (il termine "rumbear" definisce un modo di ballare che consiste in movimenti seducenti del bacino).



SAMBA


Nato in Brasile, eseguito anticamente dagli schiavi africani, diventa famoso in tutto il mondo per merito di Fred Astaire e Dolores del Rio. Si balla rimanendo sul posto o girando intorno alla pista. Un leggero abbassamento e poi sollevamento sulle ginocchia provoca il tipico molleggiamento del samba.



Indietro

Facebook